25.2 C
New York
Di più

    Vita grassa

    Pubblicato:

    è un aspetto parziale. Qui comincio a ricollegare la mia sessualità, anche se a volte rimango sorpreso da tutte le possibilità di espressione della diversità sessuale, a volte sembra strano anche al dio coniglio e porta al soprannaturale o alla sorpresa, ma come nella comunità LTBGQ, qui sta emergendo anche qualcosa di profondo che interferirà con l'immagine che le persone hanno di sé. Inizi a liberarti dall'ombra e dalla vergogna. PIS e Talebani oppure no.

    Forse, in tutto questo, bisognerebbe dedicare più spazio e linguaggio all’idea Back to the Roots, verso una vicinanza positiva ma disinvolta. Più semplice, più intenso e più amorevole

    Sesso alla vaniglia

    è bello. Sex positive potrebbe essere la dicitura decisiva. Sì, certo, è subito esaltato e profuma di Berlino. La Silicon Valley del romanticismo. Ma non si tratta solo di vino vecchio in bottiglie nuove, come spesso accade.

    Al di là degli hippy, non c'è mai stata una tendenza verso un approccio integrativo al di là delle riviste femminili e del Dr. Livello estivo. Per i maschi, cioè quelli che hanno più bisogno, quasi per niente.

    Ecco perché sto espandendo sempre di più i miei appuntamenti globali, agendo con confini sempre più grandi. La riduzione al quartiere fallisce a causa della diversità interna. Ma questo è un altro sub) Blog.

    L'argomento trova spazio in questo gloss perché continua a trollarmi e prendermi in giro. Richiede un’integrazione ben oltre le origini. Come tutti gli altri, mi trovo in una schiacciante economia di abbondanza sessuale e scarsità. Cresciuto. Perdita di identità, ignoranti e impressi da un'estetica di Hollywood e Reeperbahn.

    In questa tensione, devo padroneggiare una libido che ha sopraffatto molti partner nella mia storia, anche se sono sempre felice di scoprire di avere la fortuna di avere stranezze più piccole rispetto a molti altri là fuori. Ma Fet Life non è solo il nome di un sito web e di una comunità, è un punto programmatico in questo panorama di esistenza di cactus.

    Un piccolo popolo molto colorato

    ecco l'accettazione reciproca di quasi tutto.

    Ma nella mia totalità di creazione di cappelli, di mutaforma, sono un po’ inquieto anche in questi ambienti. Mi presento come diverso e quasi senza tabù, ma anche riflessivo e per nulla intrappolato in una situazione o in un pio desiderio. Quanto bene, esiste questo fantastico archetipo come compagno ideale, il mio tutto in uno.

    Ma come nel viaggio di scoperta poliamoroso, la dissolutezza è di casa su terreni simili. Finché nessuno si accoppia con me nel multiplo massimo, anche il minimo comune denominatore è una strategia di sopravvivenza accettabile.

    In queste linee più oscure, al di là della pura fantasia, della seria reinterpretazione del sesso, per così dire, c'è spazio per tanto, compresi i sogni polverosi. A volte mi chiedo come faccia questo desiderio a sopravvivere a una pandemia, ma sappiamo che la vita è sempre stata un mix assurdo di celibato e tempeste ormonali.

    E quanta salute si insinua anche nel nodo. Ciò significa se non sono mentalmente sano nella misura in cui sono trattato ed equilibrato e agisco di conseguenza per ridurre al minimo i miei interessi e le mie ossessioni, qualcosa che molte persone nel purgatorio del kink vorrebbero contestare con molta rabbia.

    Ma questo riguarda anche la psicologia. Molte cose in terapia non sono semplicemente standardizzazione verso una sorta di conformità accettabile?

    Articoli correlati

    Articoli recenti